Orari e Farmacie di Turno

Acne e pelle impura

Avere la pelle grassa e impura non è solo una prerogativa dei giovani adolescenti. Sono molti gli adulti che soffrono di questo disturbo e lamentano il caratteristico aspetto lucido, i pori dilatati e l’untuosità al tatto della loro pelle.

a cura della dott.ssa Laura Busata e del dott. Edoardo Zattra

 


IL PARERE DEL COSMETOLOGO

 

QUALI SONO LE CAUSE DELLA PELLE IMPURA?
La causa principale di questa condizione va ricercata nell’eccessiva produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee. Il sebo in eccesso si riversa sulla superficie cutanea rendendola lucida e sgradevole alla vista e spesso capita che questo sebo finisca per ostruire i pori formando veri e propri tappi che causano la comparsa di punti neri e comedoni.

QUAL È LA BEAUTY ROUTINE PIÙ ADATTA A QUESTO TIPO DI PELLE?
La beauty routine ideale per trattare questa tipologia di pelle parte da una corretta detergenza. Il gesto automatico di chi ha la pelle grassa e impura è solitamente quello di lavarsi continuamente il viso con prodotti altamente schiumogeni e aggressivi. In pochi sanno però che così facendo si crea l’effetto contrario rispetto a quello desiderato, ovvero un ulteriore aumento della produzione di sebo.

QUALI PRODOTTI SONO CONSIGLIATI?
È consigliato l’utilizzo di detergenti specifici, sviluppati attentamente al fine di non risultare troppo aggressivi. È opportuno associare l’utilizzo di un tonico con proprietà astringenti e purificanti in modo da completare al meglio la pulizia della pelle. La crema viso quotidiana dovrà essere preferibilmente una cremagel a rapido assorbimento, ricca di principi attivi utili a regolare la produzione di sebo. Alcuni esempi sono l’estratto di Bardana e la Niacinamide che, associati alla presenza di polveri specificatamente pensate per assorbire l’eccesso di sebo, diminuiranno l’untuosità della cute migliorandone l’aspetto.


IL PARERE DEL DERMATOLOGO

 

QUALI SONO LE CAUSE DELL’ACNE?
Una delle principali cause è la genetica, cioè la tendenza individuale, ereditata o meno, a sviluppare questa patologia. Esiste poi una componente ormonale, particolarmente evidente nel periodo della pubertà e nelle donne. L’acne può peggiorare nel periodo autunnale e le cause di questo aggravamento vanno cercate nel periodo precedente: l’estate. Un’eccessiva esposizione al sole può provocare infatti una reazione di difesa della pelle, la quale si ispessisce, rendendo più lungo e compresso il canale di espulsione del sebo. Questo può portare alla formazione di comedoni, punti neri e acne.

QUALI COMPORTAMENTI POSSONO AIUTARE?
Una moderata esposizione solare, tale da non indurre un ispessimento della pelle, può avere un benefico effetto anti infiammatorio sulla pelle. In ogni caso va invece evitato l’uso di lampade solari. Uno dei falsi miti più resistente è invece quello dell’alimentazione: infatti l’acne è poco influenzata dall’alimentazione e non c’è nessuna prova a supporto del fatto che salame, cioccolato e altri gustosi alimenti portino un peggioramento dell’acne.

COME EVITARE LE CICATRICI?
Per evitare che si sviluppino cicatrici è essenziale non traumatizzare le lesioni con la manipolazione: schiacciamento e grattamento portano ad un aumentato rischio di sviluppare lesioni cicatriziali. È inoltre importantissimo curare l’acne precocemente per prevenire lo sviluppo di lesioni profonde che possono più facilmente portare esiti cicatriziali.


Fonte: rivista Farmacisti Preparatori Autunno 2020 – Unifarco